Indirizzi utili Foto

Località

località

Cosa ti interessa?

interesse

BASSO MEDIOEVO (1001 D.C. – 1498 D.C.)

Ostuni città bianca

È questo il secolo della prima crociata e della presa di Gerusalemme (1099) lanciata da Papa Urbano II in pieno periodo di rinnovamento ecclesiastico. A partire proprio dall’XI secolo le Città italiane, complice la crisi che Impero e papato vivevano in parallelo, iniziarono a staccarsi sia dal potere politico centrale che da quello ecclesiastico dando vita a forme politiche indipendenti che presero il nome di Comuni.

Nel nord della penisola, tra il 1155 e il 1190, l’Imperatore Federico I detto il Barbarossa cercò di restaurare il dominio dell’Impero sui Comuni, venendo però sconfitto nel 1176 a Legnano nel corso di un’epica battaglia in cui si scontrarono le truppe imperiali e i Comuni ribelli, alleati nella Lega Lombarda.

Successiva alla battaglia di Legnano è la pace di Costanza, siglata nel 1183 e che sostanzialmente riconosceva le pretese di autonomia dei Comuni.

Quasi contemporaneamente al sud di stava formando il Regno di Sicilia . Nel 1059 Roberto il Guiscardo ottenne da Papa Niccolò II il titolo di duca di Puglia, ducato che comprendeva le attuali Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e parte della Sicilia (ancora in mano ai musulmani). Nel 1061 Ruggero d’Altavilla, fratello di Roberto, sbarcò a Messina ed invase la Sicilia, riuscendo ad arrivare a Palermo nel 1076. Con il figlio di Ruggero, Ruggero II, le due corone si unirono fino a formare un regno di dimensioni considerevoli, il Regno di Sicilia.

Tra il 1200 e il 1300 i Comuni italiani conobbero secoli di grande rinascita culturale: sono moltissimi i nomi della letteratura italiana che possono essere riferiti a questi due secoli, da Dante a Petrarca, da Boccaccio a Iacopone daTodi, da Cavalcanti a Guinizzelli.

Tra la seconda metà del 1200 ed il 1400 si assistette alla progressiva nascita delle Signorie, evoluzione politica di molti Comuni nell’Italia settentrionale, di cui ricordiamo tra le più famose quelle dei Medici a Firenze, degli Sforza tra Milano e Pesaro a e dei Gonzaga a Mantova.

Le Signorie, che successivamente si trasformarono in veri e propri principati ereditari (anche se con nomi differenti), contribuirono a segnare la definitiva morte dell’Impero, mentre l’altra grande istituzione medievale, il papato, non se la passava certo meglio: nel 1305, a seguito della discesa di Filippo re di Francia in Italia e della sconfitta di Papa Bonifacio VIII, la sede papale venne spostata da Papa Clemente V ad Avignone, dove rimase per i successivi 70 anni.

Dopo il 1300 da segnalare a sud il progressivo fiorire del Regno di Napoli sotto la dinastia degli Angioini, la cui fortuna durò fino al 1342 quando, Alfonso V d’Aragona, sconfisse il rivale Renato d’Angiò decretando l’effettiva fine del Regno di Napoli e del Regno di Sicilia.

Il 1400 italiano fu caratterizzato principalmente da una lunga serie di guerre e lotte tra quelli che si erano ormai trasformati in veri e propri Stati: principali protagonisti di queste rivalità furono soprattutto il Ducato di Milano e la Repubblica di Venezia, impegnati già dal 1300 in espansioni territoriali su media e larga scala.

A contendersi il dominio sui mari furono invece le antiche repubbliche marinare, in particolar modo Pisa , Genova e Venezia, che estromisero Amalfi dalla contesa e combatterono ripetutamente per il controllo del Tirreno.

Con il declino definitivo dell’Impero Bizantino e la caduta di Costantinopoli (1453), principale rivale di Venezia per il controllo dell’Adriatico, la Serenissima potè dedicarsi all’espansione via terra, entrando ben presto in conflitto con gli interessi del Ducato di Milano.

Il conflitto tra Venezia e Milano portò le due rivali a firmare una tregua a Lodi nel 1454, fissando sull’Adda il confine tra i rispettivi territori e rinunciando ad ulteriori mire espansionistiche.

La pace di Lodi garantì all’Italia una condizione di pace per i successivi 40 anni, equilibrio che favorì la nascita e lo sviluppo del Rinascimento italiano.

Indice della Storia d'Italia

NEWSLETTER
SEGUICI SU
facebook twitter google
CATEGORIE PIÙ RICERCATE
INFORMAZIONI PRATICHE

Contatti

Termini e condizioni

VISITITALY PER LE AZIENDE

Richiedi informazioni commerciali in merito ai nostri servizi online direttamente ai nostri esperti. Accedi alle pagine dedicate alle aziende

Oppure chiamaci al numero

help desk
HELP DESK
0289368926

da lunedì a venerdì

dalle 09.00 – alle 13.00

dalle 14.00 – alle 18.00