Indirizzi utili Foto

Località

località

Cosa ti interessa?

interesse

LA STORIA DI POMPEI

scritto da Fabrizio Rossi

Ostuni città bianca

La città di Pompei, fondata nel secolo VIII. AC, ha origini antiche quanto quelle di Roma; prima colonia greca e etrusca, poi sannita fino a giungere nell’ambito dell’influenza romana nell’ 80 a.C. La coltivazione intensiva della terra, dovuta a ideali condizioni climatiche e la conseguente esportazione in notevoli quantità di vino ed olio portarono con il tempo una grande agiatezza ed un alto tenore di vita nella città campana: sono testimonianza, infatti, di tale sviluppo la ricchezza di alcune case ed il loro lussuoso arredamento.

Ma il Vesuvio, addormentato per molti secoli, improvvisamente si risvegliò provocando un grande terremoto accompagnato da un’imponente eruzione dal cratere di enorme massa di roccia, cenere, fango e di lava vulcanica La città cessò d'esistere quello stesso giorno, rimanendo per secoli sepolta sotto una coltre d'oltre sei metri di cenere e lapilli.

I primi veri scavi nell'area di Pompei ebbero inizio poi nella seconda metà del settecento per volontà del re Carlo di Borbone ma gli edifici venivano piuttosto depredati di oggetti ed opere d'arte e solo nella prima metà dell'ottocento i lavori procedettero molto più speditamente, e portarono all'esplorazione di molti edifici privati e di quasi tutto il Foro, un'area sacra a pianta grosso modo triangolare. Pompei venne così di nuovo alla luce portando con sé tutto il dramma vissuto dai suoi abitanti.

Nel 1997 l'Unesco ha dichiarato la città Patrimonio Mondiale dell'Umanità, considerando che gli straordinari reperti costituiscono una testimonianza completa e vivente della società e della vita quotidiana in un momento preciso del passato, e non trovano il loro equivalente in nessuna parte del mondo.

  • Golfo di Napoli visto dal Vesuvio
    Golfo di Napoli visto dal Vesuvio
  • Navata centrale della Chiesa
    Navata centrale della Chiesa

POMPEI: ALTRE GUIDE

  • Pompei, una visita diversa

    scritto da Manuela Bernardo

    Pompei è un gioiello dell’antico Impero Romano. Sepolta per molto tempo sotto le ceneri sputate dal Vesuvio nell’eruzione del 79 d.C., rimase spettacolarmente conservata. Visitare Pompei è fare un viaggio all’indietro nel tempo, è come rivivere... continua

  • Pompei e la Villa dei Misteri

    scritto da Federico Ruiz

    Nell’area circostante di Pompei sono state scoperte antiche fattorie, molte delle quali sono state nuovamente sepolte dopo essere private delle pitture e delle suppellettili che le addobbavano. La Villa dei Misteri, a Pompei, è il tipico esempio di... continua

  • Pompei - il disastro conservato

    scritto da Federico Ruiz

    Pompei è il più grande museo open - air in Italia, anche se finora sono stati scoperti solo il 60% della città. Se andate a fare una passeggiata, potete sentire lo stile di vita della Roma antica sulla pelle. Pompei era una città di grandezza media... continua

  • Sotto l'ombra del Vesuvio, Pompei ed Ercolano

    scritto da Madeleine Krause

    Interamente sepolte sotto l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., le città romane di Pompei ed Ercolano offrono una emozionante testimonianza di come era la vità nel I° secolo d.C. Il 24 Agosto del 79 d.C., una disastrosa eruzione del Vesuvio seppellì... continua

  • Pompei e la Villa dei Misteri

    scritto da Ivana Lupi

    Nell’area circostante di Pompei sono state scoperte antiche fattorie, molte delle quali sono state nuovamente sepolte dopo essere private delle pitture e delle suppellettili che le addobbavano. La Villa dei Misteri, a Pompei, è il tipico esempio di... continua

NEWSLETTER
SEGUICI SU
facebook twitter google
CATEGORIE PIÙ RICERCATE
INFORMAZIONI PRATICHE

Contatti

Termini e condizioni

VISITITALY PER LE AZIENDE

Richiedi informazioni commerciali in merito ai nostri servizi online direttamente ai nostri esperti. Accedi alle pagine dedicate alle aziende

Oppure chiamaci al numero

help desk
HELP DESK
0289368926

da lunedì a venerdì

dalle 09.00 – alle 13.00

dalle 14.00 – alle 18.00