Indirizzi utili Foto

VACANZE


Vasto

VACANZE VASTO

Stai organizzando la tua vacanza a Vasto? Vuoi scoprire tutte le informazioni su Vasto? Su Visititaly trovi le guide turistiche scritte dalla redazione e le esperienze di viaggio dei navigatori che, come te, hanno scelto Vasto come meta per le proprie vacanze. Su questa pagina scopri tutte le proposte più interessanti e le idee vacanza 2017/2018 a Vasto e dintorni con i suggerimenti di viaggio di Visititaly.

VASTO, UN ENORME PATRIMONIO NATURALISTICO

scritto da Alba Coppola

Ostuni città bianca

La città di Vasto si affaccia sul tratto di costa più meridionale dell'Abruzzo, quasi al confine con il Molise, ed è un ottimo luogo dove trascorrere le proprie vacanze per via dei moltissimi luoghi dal grande interesse naturalistico che la circondano. Di origine antichissima, i Romani la fondarono con il nome di Histonium, il suo interessantissimo centro storico riporta moltissime testimonianze del periodo medioevale, durante il quale la città fiorì e divenne il porto più importante d'Abruzzo insieme a quello di Atri, situato più a nord.

Oltre a numerose chiese perfettamente conservate e alle numerose piazze come la Piazza Rossetti, a dominare dall'alto la città c'è il maestoso Castello Caldoresco, risalente al XV secolo. Del periodo romano non restano invece che pochi ruderi di quello che era un gigantesco complesso termale. Ma oltre alle bellezze del suo borgo, Vasto possiede un enorme patrimonio naturalistico: da anni ormai la località abruzzese figura tra quelle che vengono insignite con il titolo di "Bandiera Blu", per la limpidezza del suo mare e per le strutture ricettive di alto livello messe a disposizione dei turisti.

Chi si reca a Vasto infatti non ha che da scegliere tra le molteplici attività che si possono fare. Per chi volesse godersi il mare basta spostarsi di un paio di km dal centro abitato per raggiungere la magnifica Riserva di Punta Aderci, situata su un patrimonio ricco di vegetazione e di fauna avicola, dove si può trovare un mare dalla limpidezza paragonabile a quella delle spiagge caraibiche. Qui inoltre si possono trovare dei sentieri ben segnalati per fare delle escursioni a piedi e si possono affitare delle biciclette per percorrere gli impervi itinerari destinati alle mountain bike. In zona è presente anche un campeggio ben attrezzato, per chi volesse trascorrere una o più notti immerso nella natura, mentre, per chi fosse alla ricerca di una maggiore comodità, la città di Vasto offre numerosi alberghi per tutte le disponibilità economiche.

Ma da Vasto si può comodamente arrivare anche sulle alte montagne dell'appennino abruzzese: a meno di un'ora di macchina c'è infatti la stazione sciistica di Roccaraso, la più grande e attrezzata di tutta l'Italia centrale, dove si possono trovare alberghi, funivie e piste da sci di ogni tipo e difficoltà. In estate la zona si fa apprezzare per gli splendidi panorami e per il relax che è in grado di regalare ai propri ospiti, con un

  • Mare di vasto
    Mare di vasto

UNA SPLENDIDA VACANZA A PUNTA PENNA IN ABRUZZO

scritto da Alba Coppola

Ostuni città bianca

Lungo i 18 km di litorale che appartengono al territorio di Vasto, si erge un promontorio che termina a corona, quasi ad auto eleggersi sovrano di bellezza incontrastato.
In realtà Punta Penna e il suo promontorio è stata inserita tra le dieci più belle spiagge d'Italia, non solo per il mare cristallino che si tramuta in blu intenso all'orizzonte, ma anche per la spiaggia, soffice come farina e dalla doratura pastello, tipica dei luoghi senza tempo.
E' una bellissima località selvaggia e in alcuni punti anche primitiva, fatta di dune mediterranee che degradano sino alla Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci.
Un weekend in questo paradiso, custodito e tenuto lontano dal turismo di massa, potrebbe diventare un interessante alternativa per gli amanti della storia e della cultura medievale. 
Gli 8 km che separano Punta Penna da Vasto, valgono il percorso per una visita d'obbligo alle meraviglie artistiche di questo affascinante comune senza trascurare i percorsi naturalistici segnati all'interno della Riserva Aderci. Il silenzio e la quiete che la spiaggia regala concluderanno un tre giorni fuori porta indimenticabile.

1° Giorno
Appena arrivati e trovata sistemazione in una delle strutture ricettive disseminate lungo la costa o in paese a Vasto, si potrà cominciare il primo tour alla scoperta delle bellezze storico artistiche della zona.
Una visita è d'obbligo a Vasto: il comune custodisce la splendida Cattedrale di San Giuseppe, edificata intorno alla metà del 1200 come testimonia la data riportata sulla lunetta del portale. Negli anni venne utilizzata anche come edificio monastico per poi divenire Cattedrale intitolata a San Giuseppe in onore di Giuseppe Napoleone Bonaparte. La bicromia della pietra interna alla Cattedrale e la sua struttura ad un'unica navata, così come gli affreschi in stile gotico, vennero inseriti più tardi, durante un ripristino negli anni '20 del XX secolo.
Sempre alla seconda metà del '200 risale la prima costruzione di Santa Maria Maggiore, bellissima con la torre campanaria un tempo usata come bastione difensivo è uno splendido esempio di arte romanica. L'interno conserva esempi di dipinti della scuola del Tiziano.
Se si è a Vasto non può mancare una passeggiata sino al Palazzo d'Avalos, mirabile costruzione cinquecentesca, circondata da un prezioso giardino Napoletano la cui bellezza è stata riportata alla luce. Il Palazzo oggi ospita i Musei Civici con annessa una ricchissima Pinacoteca.
Salendo sulla terrazza del Palazzo si ha lo splendido panorama di tutto il Golfo di Vasto.
Il simbolo cittadino resta ad ogni modo il castello Caldoresco, che sorge su un antico anfiteatro romano. Le mura difensive sono rinforzate da grandi bastioni, e da torri difensive. 
Nell'800 vennero aggiunti dalla famiglia d'Avalos nuovi edifici residenziali, che trasformarono la fortezza in una complessa dimora di pregio.
Vasto ha dato i natali al poeta Rossetti, e la sua casa, dichiarata monumento nazionale è visitabile e costituisce la sede della Biblioteca Comunale.
Il giro in paese non può che terminare dall'affaccio della loggia Amblingh, una loggia a strapiombo sulle pareti di rocce e mattoni che raccoglie in un unico panorama il Golfo di Vasto, le isole Tremiti, le propaggini del Gargano e le colline del Molise.

Il lungo giro a Vasto stuzzicherà di certo l'appetito: Vasto è rinomata località marittima, sicuramente si potrà scegliere uno dei numerosi locali, tra ristoranti, trattorie, osterie o pizzerie dove poter prendere un assaggio del sapore del mare abruzzese. Per chi invece volesse far prima un aperitivo, si può fermare in un lounge bar o in un'enoteca: un buon bicchiere di vino e un appagante tagliere di salumi e formaggi tipici dell'Abruzzo sapranno accontentare i palati più sopraffini.

2° Giorno 
Il secondo giorno potrà essere dedicato completamente al mare e alla natura.
Mare e paesaggi mozzafiato sono la caratteristica peculiare della zona.
Punta Penna è facilmente raggiungibile in auto, ma si potrà scegliere anche di prendere un autobus, diverse linee conducono alla suggestiva località balneare.
Punta Penna ha un'estensione di 2 km quadrati, e costituisce l'ultimo segmento della Riserva Naturale di Alderci.
La spiaggia di Punta Penna comincia a partire dalla stazione ferroviaria del Porto di Vasto. Spiaggia di bellezza antica, a partire dal mare di un blu che sfuma partendo dall'intenso azzurro all'orizzonte, sino alle trasparenze a riva. Il fondale è sabbioso , scosceso man mano che ci si addentra in acqua popolato da alghe coralline dove hanno trovato dimora madreporari, celenterari e spugne incrostanti. La conformazione del fondale offre la possibilità di svariati sport acquatici in tutta sicurezza per grandi e piccini.
In prossimità della scogliera che racchiude la baia possono essere visti numerosi mitili, vongole, cannolicchi, pettini. A riva farà visita il granchio corridore, che fuggirà alla vista dell'uomo.
La sabbia è fine, di un pallido dorato protetta da meravigliose dune punteggiate da specie di flora spesso anche rare.

Il Ravastrello marittimo, la Salsola e la Nappola proteggono dall'azione del mare l'Euphorbia ma soprattutto il Ginestrino delle spiaggie, la Coda di Lepre e la Silene. Sulla scogliera si trovano specie uniche come la Carota delle scogliere e il Limonio virgato.
Dalla spiaggia non è difficile vedere il fratino di mare, o l'airone cenerino, il luì piccolo, o il martin pescatore. Numerosi anche i rapaci che s'alzano in volo passando dalla spiaggia: il falco di palude o l'albanella minore, lo sparviero o il falco pecchiaiolo.
Ammirando la natura incontaminata di Punta Penna il tempo trascorrerà velocemente ma per chi volesse sarà interessante proseguire la visita nella Riserva. che si estende sino alla foce del fiume Sinello. 

L'entroterra presenta olivi secolari ma è a Punta Aderci che si potrà ammirare la più bella alga del Mediterraneo: l'Halymenia floresia rossa.
Spiagge ciottolose sono quelle dei Libertini e di Mottagrossa.
Dopo aver respirato a pieni polmoni la natura, si potrà risalire con una sosta al faro di Punta Penna, il secondo faro italiano per altezza, dopo quello di Genova.
E' una costruzione su due piani che contiene le abitazioni delle rispettive famiglie dei due guardiani, gli uffici e dal primo piano il faro vero e proprio, alto 70 metri.
La sommità è raggiungibile con una scala a chiocciola che conta 307 gradini.
Di fianco al faro, la chiesetta di Santa Maria di Pennaluce che riporta al primo Medioevo, come di mostra l'entrata ogivale e la muratura in pietra a vista che la riveste.

La serata sarà all'insegna di una buona cena. Prodotti stagionali, pesce sempre freschissimo appena pescato dal mare Adriatico, che come una mamma offre ai suoi figli i frutti migliori, la cena potrà essere gustata in uno dei moltissimi locali all'aperto con vista sul mare, rilassandosi al suono delle onde che si infrangono sulla riva.
Primi piatti ai frutti di mare o succulenti brodetti alla vastese e zuppe di pesce, fritture e arrosti la scelta sarà imbarazzante e il palato vi ringrazierà.
Potrete concludere la serata in una discoteca o in uno dei locali con musica all'aperto, in paese così come fuori porta. Per i romantici è consigliata una lunga passeggiata sul lungomare, con la luna che traballa sull'acqua e la vista della costa dei trabocchi in lontananza non sembrerà di essere in Abruzzo, nè in Italia, ma in un luogo lontano e caraibico dove le palafitte, le antiche costruzioni piantonate nell'acqua, sono luoghi ancora abitatati.

Province

Comprensori

cerca CERCA

Vasto si trova in provincia di Chieti. Il patrono è san Michele Arcangelo il cui giorno di festa è il 29 settembre. Vasto ha come frazioni Difenza, Incoronata, Lebba, Montevecchio, Pagliarelli, Piana di Marco, Pozzitello, Punta Penna, San Biagio, Codalfa, San Lorenzo, San Nicola, Sant'Antonio Abate, San Tommaso, Vasto Marina, Vignola, Casarza, Villa De Nardis, Zimarino e i suoi abitanti si chiamano vastesi.

E' un comune del litorale abruzzese di circa 38795 abitanti. Ha una superficie territoriale di 70.65 km² e si trova a 144 metri sul livello del mare. Di particolare interesse vicino a Vasto possiamo trovare: Vasto Marina, Rocca San Giovanni, San Salvo.

NEWSLETTER
SEGUICI SU
facebook twitter google
CATEGORIE PIÙ RICERCATE
INFORMAZIONI PRATICHE

Contatti

Termini e condizioni

VISITITALY PER LE AZIENDE

Richiedi informazioni commerciali in merito ai nostri servizi online direttamente ai nostri esperti. Accedi alle pagine dedicate alle aziende

Oppure chiamaci al numero

help desk
HELP DESK
0289368926

da lunedì a venerdì

dalle 09.00 – alle 13.00

dalle 14.00 – alle 18.00