Indirizzi utili Foto

VACANZE


Provincia di Reggio Emilia

VACANZE IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

Stai organizzando la tua vacanza nei dintorni di Reggio Emilia? Vuoi scoprire tutte le informazioni su Reggio Emilia e la sua provincia? Su Visititaly trovi le guide turistiche scritte dalla redazione e le esperienze di viaggio dei navigatori che, come te, hanno scelto la provincia di Reggio Emilia come meta per le proprie vacanze. Su questa pagina scopri tutte le proposte più interessanti e le idee vacanza 2018 nella provincia di Reggio Emilia e dintorni con i suggerimenti di viaggio di Visititaly.

UNA PROVINCIA TUTTA DA SCOPRIRE: REGGIO EMILIA

scritto da Fabrizio Rossi

Ostuni città bianca

La Provincia di Reggio Emilia si localizza nell'Emilia Romagna, confinando con: Lombardia (nord), Toscana (sud), Modena (est) e Parma (ovest). Si trova in una zona pianeggiante e collinare dell'apenino, i principali fiumi che bagnano la provincia sono: il Secchia, il Po e l'Enza.

Così come la città di Reggio Emilia, anche la Provincia è attraversata dalla Via Emilia, fondata dal generale, posteriormente console, romano Marco Emilio Lepido nel II secolo a.C.. Famosa per la produzione del delizioso formaggio Parmigiano Reggiano, per i salumi di maiale, per il vino rosso Lambrusco, ed è oltre tutto un importante distretto di produzione ceramico.

La Provincia di Reggio Emilia è tutta da scoprire, in ogni suo angolo si potrà trovare luoghi legati alla storia e alla cultura... Sono degni di una visita: il Castello di Sarzano; il Castello delle Carpinete (a Carpinete) ed il Castello di Canossa, costruito intorno all'anno 940 da Adalberto Atto, discendente di un principe longobardo.

La bandiera italiana tricolore (verde, bianca e rossa) è nata nella provincia di Reggio Emilia, e all'interno del Palazzo Comunale si trova la 'Sala del Tricolore' dove nel 1787 fu proclamata capitale della Repubblica Cisalpina, Forlì, e ciò è un motivo di orgoglio per i suoi cittadini.

  • Parchi e giardini di Reggio Emilia
    Parchi e giardini di Reggio Emilia
  • La stazione ferroviaria di Reggio Emilia
    La stazione ferroviaria di Reggio Emilia
  • Chiesa San Giorgio
    Chiesa San Giorgio
  • San Prospero
    San Prospero

SAPORI E CULTURA PERCORRENDO LE CORTI REGGIANE

scritto da Clara Valeri

Ostuni città bianca

Per gli amanti degli itinerari enogastronomici, una delle regioni italiane da non perdere è l'Emilia-Romagna. Qui il buon vino ed il cibo gustoso, rigorosamente prodotti e lavorati in loco, raggiungono vette strepitose. Tradizioni agricole che si tramandano con entusiasmo e grandi capacità imprenditoriali, un rapporto quasi morboso con il fiume Po ed i numerosi canali che rendono questa terra così fertile caratterizzano la zona di Reggio Emilia, un territorio che, snodandosi lungo la Via Emilia, mette a disposizione del visitatore splendide testimonianze storiche ed artistiche.

Questa parte della pianura Padana, detta la "Bassa Emiliana", oltre ad essere la patria del Parmigiano-Reggiano, dell'aceto balsamico e del Lambrusco, è anche la terra di Peppone e Don Camillo, protagonisti dei racconti di Guareschi tradotti in decine di lingue, che in questi luoghi vivevano le loro furiose liti, regolarmente risolte davanti ad un bicchiere di vino ed una fetta di culatello. 

La Strada dei Vini e dei Sapori delle Corti Reggiane si snoda nella provincia di Reggio Emilia, in un percorso di circa 300 chilometri che tocca antiche cittadine e piccoli borghi, teatro, nei secoli scorsi, della vita delle Signorie che regnavano in questi luoghi: dagli Estensi ai Da Correggio, dai Gonzaga ai Visconti e ai Bentivoglio. Le corti erano lo scenario dove si svolgeva la vita quotidiana, sia quella delle importanti famiglie padane, con i loro palazzi, i porticati e le piazze, sia quella dei contadini, con i terreni, gli animali da allevare ed il rapporto conflittuale con il Po, fonte di vita come fonte di disgrazia a causa delle alluvioni che sottraevano improvvisamente terra ad un podere per regalarne ad un altro. Nell'ambiente contadino, tipica era la figura femminile della "rezdora", la reggitrice, la donna di casa deputata a trasmettere alle ragazze più giovani i segreti dell'arte culinaria.

La gastronomia di queste terre si basa sulla carne di maiale, lavorata in insaccati e prosciutti, sui tortelli alla zucca, sugli agnolotti e sui vini, consumati freschi, come il Lambrusco, oppure trasformati con sapienza in aceto balsamico, vero oro nero di queste terre.
La capacità di queste popolazioni di riunirsi in cooperative e consorzi non trova eguali in Italia, ed è proprio la forma di consorzio che i produttori locali hanno scelto per dar vita ad un itinerario organizzato. 

Sono disponibili diversi pacchetti di viaggio che toccano le "Signorie Padane". Grazie alla natura pianeggiante di queste terre, la bicicletta è il mezzo di trasporto più diffuso. Ed è proprio in sella ad una bici, facilmente noleggiabile, che consigliamo di seguire questi itinerari del gusto, alla scoperta delle Corti Reggiane.

Partendo da Reggio Emilia, nell'alta pianura emiliana, il visitatore ha già l'opportunità di vedere le numerose testimonianze storiche di epoca medievale, rinascimentale, neoclassica e barocca. Dalle splendida Piazza dei Leoni, con la chiesa di San Prospero, a Piazza del Monte, con il palazzo del Capitano del popolo, passando per la Sala del Tricolore, oggi sede del consiglio comunale, fino alle due basiliche, dedicate a San Giorgio e alla Madonna della Ghiara, per finire con la rigorosa Cattedrale romanica, il capoluogo emiliano abbraccia il turista coinvolgendolo nelle sue vicende storiche e nelle passioni. 

Alle porte di Reggio Emilia, prima di iniziare il viaggio nelle Corti, un luogo da non perdere è la quattrocentesca villa del Mauriziano.
Senza ancora aver lasciato la città, siamo già nel cuore dell'enogastronomia della Bassa:
i salumi tipici, i cappelletti (una sorta di tortellini), i tortelli di zucca, l'erbazzone, l'aceto balsamico ed ovviamente gli immancabili formaggi, Parmigiano Reggiano su tutti, sono i classici della cucina Reggiana. Accompagnati dai vini più consumati, il Lambrusco, frizzante e dal colore rosato, ed il bianco di Scandiano, questi cibi sono a disposizione del turista pressoché ovunque. In queste terre, mangiare male é davvero difficile.

Percorrendo la via Emilia verso est, si arriva a Rubiera, sede della Corte Ospitale. Qui, in un antico ospedale risalente al cinquecento, deputato in passato alla cura ed al ristoro dei pellegrini, sono state ricavate sale da museo nelle quali il turista scopre le bellezze legate all'ambiente. Una parte dell'edificio é la sede del Consorzio del Parco Fluviale del Secchia.

Proseguendo il tragitto in direzione nord, si incontrano in sequenza San Martino al Rio, con la suggestiva rocca estense, oggi sede del Museo dell'Agricoltura e del mondo rurale, e Correggio. La cittadina, nota ai più giovani come luogo di nascita del cantante rock Luciano Ligabue, è uno splendido esempio di centro medievale con chiare influenze longobarde.
La nobile famiglia dei Da Correggio, che progettò una vera rivoluzione urbanistica ha lasciato il segno un po' ovunque. Il punto più alto di questa opera è il rinascimentale Palazzo dei Principi. Una visita meritano sicuramente anche le linee neoclassiche del Teatro Asioli, costruito dove un tempo sorgeva il palazzo di Nicolò II.

A poca distanza da Correggio si trova la Corte di San Bernardino, a Campagnola Emilia.
La corte, oggi conosciuta anche come Casa Folloni, era già nota nel XII secolo come Villa dei Reatini. Nel 1423, la villa ospitò San Bernardino da Siena, predicatore francescano e grande oratore, impegnato a propagandare il nome di Gesù. 
Il percorso, ancora in direzione nord, prima di arrivare alle "terre del fiume" della Bassa Reggiana, metta a disposizione le due località di Rolo, con il suo museo della Tarsia, e Reggiolo, famosa per la sua splendida rocca.

Proseguendo verso ovest, ecco le terre del Po, con i suoi navigli e l'entroterra in stretto rapporto con il fiume, "strada d'acqua", luogo di svago e di pesca, alleato prezioso e a volte capriccioso dei campi e degli agricoltori.
Nella prima località, Luzzara, troviamo il museo nazionale delle arti Naïves intitolato a Cesare Zavattini e la chiesa di San Giovanni, in stile romanico. Proseguendo si giunge a Guastalla. Già insediamento abitativo degli Etruschi, fu utilizzato dai longobardi come posto di guardia contro i bizantini, stabilitisi a Mantova. Nel 1428, con la cessione di Guastalla alla nobile famiglia Torelli, il borgo divenne Contea. La centrale Piazza Mazzini, tipica piazza emiliana circondata da portici, ospita il palazzo Ducale, la cinquecentesca Cattedrale di San Pietro Apostolo ed il Municipio. Da non perdere anche la biblioteca Maldotti, che ospita circa 100.000 volumi, oltre a preziosi manoscritti e dipinti del 600 e del 700.

Quanto al gusto, qui siamo nei "comuni rivieraschi", e la cucina tipica è legata al pesce di fiume: risotto all'anguilla affumicata, gnocchi di luccio e storione in umido.
A poca distanza si incontra la perla rinascimentale di Gualtieri, con la splendida Torre dell'Orologio a svettare in Piazza Bentivoglio, e l'omonimo palazzo che contiene capolavori dell'arte rinascimentale. Per approfondire il rapporto che lega queste popolazioni al fiume, il successivo paese di Poretto è perfetto. Famoso anche per le gustose cipolle in agrodolce, il paese ospita un attrezzatissimo porto fluviale ed il Museo del Po e della navigazione interna.
Spostandosi di pochi chilometri a sud, eccoci a Brescello, uno dei paesi più noti della Bassa Emiliana, in quanto ambientazione dei racconti di Don Camillo e Peppone. Fortificato e reso città-fortezza cinta da mura e fossato dagli Estensi, Brescello ospita il museo di Don Camillo e Peppone e si caratterizza per uno dei dolci emiliani più apprezzati, la Spongata, un dolce speziato a pasta morbida del quale si narra fosse golosissimo Giuseppe Verdi.

Testimonianze archeologiche si possono vedere raggiungendo Poviglio ed il suo museo della Terramara. Qui sono raccolti oltre 500 manufatti in bronzo, ambra e ceramica, risalenti all'età del bronzo. Le terramare, tipiche dell'Emilia, erano degli snodi commerciali dove venivano stipate le merci in attesa di essere esportate in tutto il mondo conosciuto nell'età del bronzo.
Proseguendo nel viaggio nella bassa pianura reggiana si arriva a Gattàtico.
Qui, nella casa abitata dalla famiglia Cervi fin dal 1934 è stato ricavato il Museo Cervi, museo della resistenza e delle lotte dei contadini nelle campagne. Il museo si trova tra i comuni di Gattàtico e Campegine, ed è nel territorio di quest'ultimo che appare la Corte Valle Re.
In passato la corte era il centro di un abitato che comprendeva case coloniche, mulino ed un caseificio, immersi nel centro di un vasto podere agricolo. E' oggi particolarmente interessante per un sistema di canalizzazione sotterranea delle acque.

Le tre tappe che concludono questo viaggio nel gusto e nell'arte della Bassa sono Cadelbosco di Sopra, Cadelbosco di Sotto e Novellara.
Nel comune di Novellara spiccano la Collegiata di Santo Sefano, originaria del 500, la cui facciata é stata modificata intorno al 1750, il Teatro della Rocca, costruito nella seconda metà dell'800 e sede di numerose rappresentazioni d'opera, che conta nella Bassa un numero di estimatori impressionante, e soprattutto la Rocca dei Gonzaga, con l'alta Torre "del campanone". La corte locale ebbe il suo apice nel XVI secolo. Nel 1546, Donna Costanza Gonzaga accolse il pittore Lelio Orsio, originario di Novellara, il quale realizzo alcune delle più belle decorazione mitologiche della Rocca. I dintorni del comune, un tempo paludosi e malsani, sono stati bonificati ed ospitano oggi l'Area di riequilibrio Ecologico.

A conclusione di questo itinerario non rimane che tornare verso Reggio Emilia, consapevoli di aver solo sfiorato un insieme di tradizioni, testimonianze storiche e sapori che meritano un approfondimento. Possiamo già iniziare a programmare la prossima escursione lungo la strada dei sapori e dei vini delle Corti Reggiane.

Province

Comprensori

cerca CERCA
NEWSLETTER
SEGUICI SU
facebook twitter google
CATEGORIE PIÙ RICERCATE
INFORMAZIONI PRATICHE

Contatti

Termini e condizioni

VISITITALY PER LE AZIENDE

Richiedi informazioni commerciali in merito ai nostri servizi online direttamente ai nostri esperti. Accedi alle pagine dedicate alle aziende

Oppure chiamaci al numero

help desk
HELP DESK
0289368926

da lunedì a venerdì

dalle 09.00 – alle 13.00

dalle 14.00 – alle 18.00