Vacanze Isole Tremiti

Stai organizzando la tua vacanza a Isole Tremiti? Vuoi scoprire tutte le informazioni su Isole Tremiti? Su Visititaly trovi le guide turistiche scritte dalla redazione e le esperienze di viaggio dei navigatori che, come te, hanno scelto Isole Tremiti come meta per le proprie vacanze. Su questa pagina scopri tutte le proposte più interessanti e le idee vacanza 2017 a Isole Tremiti e dintorni con i suggerimenti di viaggio di Visititaly.

HOTEL RESIDENCE TRAMONTO - Rodi Garganico (38 Km dal Isole Tremiti)
Sole, mare e spiagge dorate rendono il Gargano una stupenda località marina. In questo incantevole scenario è piacevolmente ubicato l'Hotel Residence Tramonto, complesso di nuovissima costruzione, situato sul lungomare Rodi-San Menaio, a 10 metri dal mare. ...
Le isole Tremiti
scritto da
Bellissimi paesaggi delle Isole Tremiti Le isole Tremiti, conosciute anche con il nome “Le perle dell’Adriatico”, si trovano a 12 miglia al largo del Gargano, in provincia di Foggia. Cale, insenature, coste rocciose, fauna e flora visibile a occhio nudo. L’arcipelago è formato dalle isole di San Nicola, San Domino, Cretaccio, Caprara e Pianosa. Queste isole, splendide per i loro percorsi paesaggistici, attirano ogni anno numerosi turisti da tutto il mondo. Cosa vedere in questi posti? Cosa da non perdere assolutamente? Se avete l’imbarazzo della scelta e non sapete da dove cominciare la vostra gita turistica, ecco una guida su come muoversi tra le isole.

San Nicola è il centro storico. Molti la considerano un museo a cielo aperto, perché qui ogni pietra è traccia di un passato antichissimo. San Domino, invece, è rinomata per i suoi rigogliosi boschi. Era chiamata dai monaci benedettini “Orto di paradiso”. Tra le acque cristalline spunta lo scoglio dell'Elefante, chiamato così per la sua peculiare forma.

Da non perdere anche la Grotta delle Viole, del Bue Marino e delle Rondinelle. Poi c’è Cretaccio: 3,5 ettari di argilla e rocce particolari. Ideale per gli escursionisti e gli studiosi di mineralogia. Poco distante, a soli 20 metri, sorge Caprara (o Capraia). L’isola, il cui nome deriva dalle piante di cappero, è disabitata. Mirabile il faro con il caratteristico arco naturale. Infine c’è l'isola di Pianosa, quasi totalmente ricoperta dalle acque, a causa della sua altezza di soli 15 metri. Se vi trovate nell’arcipelago non potete assolutamente perdere la riserva naturale marina, divisa in tre zone. Le zone A e B sono totalmente inaccessibile, per cui è vietata sia la pesca che il danneggiamento delle rocce. È possibile però, con il permesso della Capitaneria di Porto, fare il bagno.

Nella terza zona, invece, è permessa la pesca sportiva.

Come raggiungere le Isole Tremiti
scritto da
Panorama delle Isole Tremiti
Chi ha intenzione di visitare le isole Tremiti dette anche isole di Diomede perché secondo la leggenda l’eroe approdò su questi scogli dopo la fatidica guerra di Troia, potete avvalervi di diversi mezzi di trasporto.Ci sono vari modi per arrivare alle isole Tremiti e potete scegliere quello che più si addice alle vostre esigenze.

Come arrivare alle isole Tremiti in auto
Imboccate l’autostrada A14 e prendete l’uscita Termoli.
Dovrete poi arrivare fino al porto di Termoli dove è necessario lasciare l’auto nel parcheggio antistante o in vari parcheggi a pagamento dato che non è possibile traghettare con la propria autovettura al seguito.


Come raggiungere le isole Tremiti in treno
1) arrivate alla stazione ferroviaria di Termoli e poi usufruite dei servizi di bus locali o di taxi diretti al porto.
2) Arrivate alla stazione ferroviaria di Foggia e poi proseguite con dei bus o dei taxi fino all’aereoporto.
3) Arrivate alla stazione ferroviaria di Manfredonia e poi avvaletevi del servizio taxi per raggiungere il porto.

Come arrivare alle isole Tremiti in traghetto
E’ possibile arrivare sulle isole Tremiti con varie compagnie marittime che collegano diverse località con le isole.
Si può tranquillamente partire da Pescara, Ortona, Vasto, Termoli, Manfredonia, Vieste, Peschici e Rodi Garganico
I mezzi usati sono motonavi, monostab, catamarani e aliscafi che variano a seconda della stagione turistica e del periodo scelto.

Diverse sono le agenzie che si occupano di effettuare le varie corse giornaliere ed il porto dove sono ubicate questi servizi, è quello di Termoli.
Potrete imbarcarvi sui mezzi nautici che le agenzie mettono a vostra disposizione e vi verranno fornite dettagliate informazioni sul costo e sulla durata della corsa che è doveroso ricordare, sono diversi sia per il periodo e sia per l’uso del mezzo nautico che si intende prendere.
Naturalmente è gradita una prenotazione per non incappare in amare sorprese per mancanza di posti specie nei periodi di pienone come le vacanze pasquali, i ponti o le ferie estive.

Raggiungere le isole Tremiti in elicottero
E’ possibile arrivare alle isole Tremiti, anche usufruendo di un servizio elicottero infatti, moderni veivoli sono disponibili da Foggia, presso l’aereoporto Gino Lisa e arrivano presso l’eliporto San Domino nelle isole Tremiti.

Arrivare alle isole Tremiti in aereo
E’ possibile raggiungere l’arcipelago anche in aereo sempre partendo da Foggia.
Il servizio è disponibile per chi lo desidera, durante tutto l’anno e prevede un solo viaggio tranne dal mese di Marzo a quello di settembre che prevede due trasferimenti al giorno.
E’ consigliabile prenotare e possono viaggiare anche bambini e neonati con tariffe alquanto ridotte.

Per raggiungere le isole Tremiti denominate "Perle dell’Adriatico", conviene prestare la massima attenzione su quelli che sono i costi della franchigia, la durata del viaggio ed il peso e le dimensioni dei bagagli che porterete con voi.


Escursioni alle spiagge delle isole Tremiti
scritto da
Vista panoramica delle Isole Tremiti Luogo incantevole e fuori dai circuiti turistici di massa, le Isole Tremiti sono un vero e proprio paradiso naturale. Anche le spiagge si distinguono per il loro aspetto peculiare: cale e calette che degradano verso il mare; di sabbia e ciottoli alcune, più selvagge e rocciose altre. 

Le spiagge meno ampie si trovano a San Nicola, mentre altre sono raggiungibili solo via mare, come Cala dei Pagliai. Quelle più attrezzate da un un punto di vista turistico sono quelle sabbiose e sono prevalentemente concentrate sull'isola di San Domino, dove sono previsti servizi ricettivi standard. 

Le principali sono: Cala Matano e Cala dei Benedettini, dotate di ombrelloni e sdraio; Cala delle Arene, Cala Zio Cesare e Cala del Bue Marino, dove invece è consigliabile portarsi eventuali attrezzature per maggiore comfort. Cala delle Arene: relativamente ampia come spiaggia sabbiosa rispetto alle dimensioni medie delle cale delle Tremiti, è caratterizzata da una lingua di sabbia bianca, sulla costa orientale dell'isola di San Domino. Presenta acque cristalline che invitano a immergersi, anche perchè il fondale declina dolcemente.

Di fianco alla spiaggia si trova la suggestiva Grotta dell'Arenile, lunga 10 mt e larga 2 mt circa. Cala Matano (o Cala Duchessa): selvaggia e suggestiva, questa caletta è circondata da una ricca vegetazione e da rocce calcaree. Si tratta di un'insenatura naturale che si affaccia su acque turchesi e trasparenti, ideali per bagni e nuotate grazie al fondale sabbioso. E' raggiungibile sia via terra, attraverso un sentiero che degrada verso il basso, che via mare tramite gommone. E' attrezzata con ombrelloni e sdraio. 

Cala degli Inglesi: chiamata così per il naufragio di una nave britannica nell'800, questa insenatura posta nella costa nord-ovest dell'isola è raggiungibile tramite un sentiero che si inerpica tra una vegetazione rigogliosa mediterranea. Le acque sono azzurre con fondo misto tra sabbia e detriti nei primi metri. Prospiciente alla caletta c'è un villaggio turistico. 

Cala Tamariello: chiamata così per la presenza dei gamberi, (in dialetto "amarielli"), questa caletta è un'insenatura chiusa a sinistra dalla Punta del Diamante, che rappresenta l' estremo limite settentrionale dell'isola di San Domino. La spiaggetta si presta all'attracco dei piccoli natanti. Dalla caletta, piuttosto rocciosa, si gode un tramonto mozzafiato. 

Cala Tonda: chiamata così per la sua singolare forma circolare, tanto da sembrare un laghetto circondato da rocce. Da visitare l'omonima Grotta, situata al fondo della caletta: lunga circa 30 mt per 3 di larghezza, è quasi tutta immersa nell'oscurità.

Scopri come arrivare Isole Tremiti

Escursioni alle grotte marine delle Isole Tremiti
scritto da
Le grotte di San Domino Le grotte di San Domino nelle rinomate isole Tremiti, sono dei posti di una bellezza incredibile da visitare senza alcun dubbio perché offrono una scenografia che solo luoghi incantati come quelli, possono mostrare in tutto il loro fulgore. 

La Grotta del bue marino: Tra le altre è quella decisamente più suggestiva perché si allarga da 6 a 14 metri per finire con la formazione di una caratteristica spiaggetta. La profondità minima delle acque permette di intravedere un fondo pulito e luminoso che incanta lo sguardo dei visitatori. Il sole che attraverso un gioco di luci, penetra nelle acque limpide, produce uno stupendo colore turchese sulle pareti della grotta che si trova ai piedi della Ripa dei falconi ed è esattamente il punto di ritrovo di alcuni rari tipi di falchi che vanno a nidificare, proprio tra quelle rocce. 

La Grotta delle rondinelle deve il suo nome alle rondini che preparano il nido al suo interno. Ha la caratteristica di essere sorretta da due pilastri naturali ed è famosa perché il sole crea riverberi di luce particolari che la rendono quasi magica. 

La Grotta delle Viole è chiamata così non solo perché sulle sue rocce crescono un’infinita varietà di viole profumatissime ma anche perché sui suoi limpidissimi fondali, è possibile intravedere molluschi e pesci che assumono una tonalità violacea grazie al gioco di luce del sole che entra attraverso le feritoie. 

La Grotta del Sale: più che altro è uno scoglio ed è famosissimo per l’immensa quantità di sale che si può trovare all’interno.L’elemento salino è bianco e luminoso ed offre un candore quasi innaturale alla grotta. 

Per effettuare le escursioni alle grotte delle isole Tremiti, ci sono vari modi. Sul molo dell’isola ci sono varie imbarcazione che trasportano i turisti e li portano nelle grotte. In effetti più che una visita guidata, si tratta di vere e proprie mini-crociere ed i passeggeri possono concordare orari e menù visto che la partenza è prevista per le 9:00 con rientro verso le 19:00.

L’imbarcazione con cui viene effettuata la visita alle grotte marine, è idonea ed autorizzata ed inoltre prima della visita, si possono praticare sport come lo sci nautico, la pesca sportiva o delle immersioni guidate

Naturalmente il paesaggio è mozzafiato e durante la piccola crociera, un’ esperta e competente guida turistica, vi spiegherà in maniera minuziosa, tutte le caratteristiche del luogo e da cosa derivano i nomi dei posti che andrete a visitare. 

L’esperienza si rivelerà notevolmente esilarante per l’incomparabile bellezza dei luoghi e per le imbarcazioni perfettamente comode e ben equipaggiate che con voluta maestria, si fermeranno nei posti più suggestivi di quell’Adriatico dall’impareggiabile meraviglia.

La scelta di questo tipo di escursione, risulta quasi d’obbligo per chi vuole trascorrere una di quelle giornate che rimarrà impressa nella memoria perché si contempleranno paesaggi incontaminati ma soprattutto unici nell’ambiente lacustre pugliese.


Immersioni nelle isole Tremiti
scritto da
Immersioni nelle Isole Tremiti Le Isole Tremiti costituiscono il comune più piccolo della regione Puglia. Sorgono in arcipelago nel mare Adriatico e fanno parte del Parco Naturale del Gargano. L'arcipelago è così composto: Isola di S. Nicola, isola di S.Domino, Caprara o Capraia, Pianosa e due scogli, uno più grande, il Cretaccio, l'altro più piccolo denominato la vecchia. Le acque particolarmente pulite hanno consentito che le isole più volte rientrassero nel programma Bandiera blu. 

Queste isole furono già popolate ai tempi della Magna Grecia. Lo dimostra il fatto che in antichità venissero chiamate anche Isole Diomedee in onore dell'eroe epico Diomede. Si dice infatti che siano state create dal personaggio stesso per segnare i confini del suo territorio, la Daunia.

Numerosi sono anche i monumenti che richiamano il periodo ellenico. Sull'Isola di S.Nicola si trova infatti una tomba di matrice greca. Questa è l'isola su cui si concentra la maggior parte della popolazione e dei monumenti. 

A circa trecento metri da San Nicola si trova l'isola di Caprara o Capraia. Isola rocciosa e dalla vegetazione mediterranea. Procedendo verso est è possibile visitare la penisola di Punta Secca, disabitata ma ricca di vegetazione marina ideale per immergersi. E' possibile calarsi infatti in profondità in cui si possono ammirare numerose specie marine quali cavallucci, aragoste e cefali. 

Oltre a Punta Secca altro luogo in cui poter immergersi è lo Scoglio del Corvo. Il fondale è qui ricco di Gorgonie e di pareti interamente coralline (corallo nero). Il paesaggio subaqueo è tra i più belli per la flora e la fauna ed è meta di numerose visite sottomarine. Dentici, orate, aragoste e cavallucci marini sono gli abitanti dei fondali. Qui la roccia arriva fino a 20/30 metri di profondità. 

Nelle vicinanze dell'Isola di Caprara è possibile fare un'immersione anche per visitare la più grande statua sottomarina, quella di Padre Pio. La statua di bronzo è calata a circa tredici metri di profondità per un'altezza di tre metri e ottanta centimetri. Fu collocata nel 1998 e l'opera è dello scultore Matteo Norcia. 

Elemento questo che rende ancora più affascinante il fondale isolano già ricco di "tesori" e relitti di varie epoche. Quello più antico risale al primo secolo a.C. Del 1550 è invece un'imbarcazione turca ritrovata insieme a dei cannoni di bronzo. Tra i relitti più importanti vi è un piroscafo appartenente alla flotta di Garibaldi e dei Mille che affondò in queste acque nel 1864. Agli inizi degli anni 80 invece fu scoperta una nave utilizzata per i commerci nel Mediterraneo. Trasportava circa 900 anfore. Oggi si trova adagiata su questi preziosi fondali.


Isole Tremiti (provincia di Foggia); ha come patrono santa Maria Assunta festeggiato il 15 agosto. Il comune è diviso in frazioni: San Domino, San Nicola, Capraia (disabitata), Pianosa (disabitata), Cretaccio (disabitata). Gli abitanti di Isole Tremiti si chiamano tremitesi

E' un comune del litorale pugliese di circa 492 abitanti. Ha una superficie territoriale di 3.129 km² e si trova a 70 metri sul livello del mare. Isole Tremiti fa parte del Comprensorio Gargano.A Isole Tremiti possiamo trovare 8 strutture ricettive. E' possibile visitare 26 luoghi d'interesse e consultare 18 indirizzi utili.
Per scoprire tutte le sue bellezze guarda tutte le 49 foto di Isole Tremiti.

Guide di approfondimento


Luoghi di interesse per una vacanza a Isole Tremiti top
  • Mostra tutti
  • Nascondi tutti

  • Monumenti

  • Aree naturali

  • Castelli palazzi e residenze nobiliari

  • Chiese e luoghi di culto

  • Sentieri e punti panoramici

  • Siti archeologici

  • Spiagge

  • Mura torri e porte

  • Grotte